contatti

Robotica assistenziale

La popolazione invecchia e in futuro scarseggeranno le persone da impiegare nell’assistenza agli anziani. Una possibile soluzione sarà di utilizzare robot specializzati.

Nei Paesi occidentali è in atto da decenni un fenomeno di invecchiamento della popolazione, causato da due diverse concause: da una parte, l’allungamento della vita media, dovuto soprattutto alle migliori cure mediche e alla maggiore attenzione all’alimentazione; dall’altra, la riduzione delle nascite, dovuta a molteplici fattori che vanno dall’incertezza economica alla difficoltà per le donne di conciliare lavoro e figli. Tutto questo sta facendo sì che in Europa, così come negli USA e in Giappone, ci siano in proporzione sempre più anziani e sempre meno giovani.

Si calcola che nel 2050 in Europa per ogni persona over 65 ci saranno due persone al di sotto di questo limite – quando fino a qualche decennio fa se ne contavano quattro. Secondo le stesse stime, la popolazione anziana è passata da 101 milioni nel 2018 alla previsione di 149 milioni nel 2050; una popolazione anziana presenta una maggior incidenza di malattie croniche correlati all’età1.

Di fatto, nei prossimi anni vedremo aumentare il numero di persone da assistere e diminuire proporzionalmente le risorse economiche da impiegare per l’assistenza. Con ogni probabilità, sarà anche sempre più difficile reperire personale non qualificato da dedicare all’assistenza (badanti, ecc.) in quanto le nuove generazioni aspirano come prevedibile a mestieri più qualificati anche nel campo assistenziale (medici, infermieri, ecc.).

In Italia abbiamo “tamponato” la falla grazie all’immigrazione di decine di migliaia di persone (non specializzate) dall’Est Europa, ma quando l’Est non sarà più terra d’emigrazione, le cose si faranno più complicate. La situazione, insomma, non è rosea, e non sarà possibile risolvere il problema con metodi tradizionali. L’unica possibilità concreta è la necessità di razionalizzare i costi dell’assistenza, riducendoli grazie all’impiego delle nuove tecnologie.

Il nostro sito usa cookie per offrire una migliore fruibilità di navigazione inclusi cookie "terze parti" e di profilazione per sottoporti contenuti in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se prosegui nella navigazione sul sito acconsenti alluso dei cookie.