contatti

Vitamina D e patologie cardiovascolari: lo stato dell’arte

La vitamina D mantiene l’omeostasi del calcio, tuttavia è noto che abbia anche altri effetti pleiotropici extrascheletrici, come ad esempio  sul sistema cardiovascolare. Evidenze sperimentali in vivo e in vitro descrivono un ruolo della vitamina D sul miocardio e sui vasi periferici. Studi longitudinali confermano l’associazione tra ipovitaminosi D e un’aumentata incidenza di patologie e mortalità cardiovascolare, ma al momento gli studi di intervento non hanno confermato l’effetto benefico della supplementazione.

La vitamina D, nelle sue due forme vitamina D2 e D3, è il precursore dell’ormone 1,25(OH)2vitaminaD o calcitriolo, ed è classicamente considerata un cruciale regolatore dell’omeostasi del metabolismo calcio-fosforo.

Il nostro sito usa cookie per offrire una migliore fruibilità di navigazione inclusi cookie "terze parti" e di profilazione per sottoporti contenuti in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se prosegui nella navigazione sul sito acconsenti alluso dei cookie.