contatti

L'importanza del follow-up per i pazienti cronici durante la pandemia di COVID-19

La pandemia ha stravolto l’organizzazione dei servizi assistenziali, con notevoli ripercussioni soprattutto sul follow-up dei pazienti affetti da condizioni croniche che, in Italia, ammontano a circa 14 milioni, più della metà dei quali ultra 65enni. Gli ambiti più interessati sono stati quello cardiologico, oncologico e diabetologico. La sfida del prossimo futuro sarà di rimodulare la gestione del follow-up di questi pazienti potenziando, ove possibile, il ricorso alla telemedicina e alle nuove tecnologie.

L’impatto socio-sanitario del COVID-19

Affermare che la pandemia da SARS-Cov-2 ha colto impreparati i Paesi del mondo, le istituzioni sanitarie e la comunità scientifica può sembrare oggi retorico. Nella realtà, però, sarebbe semplicistico tradurre il suo impatto socio-sanitario a un mero resoconto numerico, nello stile dei bollettini con cui quotidianamente i mezzi di informazione riportano i classici indicatori di riferimento. Tra le conseguenze meno appariscenti ed enfatizzate, ma non per questo meno rilevanti o meritevoli di attenzione, si annoverano anche le complesse ed eterogenee ripercussioni sull’assistenza ai malati cronici. La necessità di adattamento dei servizi ha, infatti, portato a “convertire” intere divisioni ospedaliere in “reparti COVID”, riorganizzare il personale sanitario, potenziare le terapie intensive1 e rimodulare, o perfino sopprimere, attività ambulatoriali e, nel rispetto dei protocolli di contingentamento degli accessi e distanziamento, a privilegiare, ove possibile, i teleconsulti rispetto alle tradizionali visite in presenza.

Appare, quindi, evidente come una categoria  particolarmente colpita sia stata quella dei malati cronici (in particolare in ambito cardiologico e oncologico), che tra l’altro rappresentano anche i pazienti più vulnerabili ed esposti alle possibili complicanze dell’infezione: contagi e letalità, infatti, tendono ad aumentare con l’avanzare dell’età, coinvolgono in misura maggiore il sesso maschile e sembrano in qualche modo associarsi alla presenza di patologie croniche, cioè di policronicità, che potrebbero influenzare sfavorevolmente la prognosi2.

Il nostro sito usa cookie per offrire una migliore fruibilità di navigazione inclusi cookie "terze parti" e di profilazione per sottoporti contenuti in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Se prosegui nella navigazione sul sito acconsenti alluso dei cookie.