contatti

Il consenso informato

Introduzione

Sulla base dell’insegnamento di Ippocrate, per secoli il medico ha esercitato il diritto-dovere di non rivelare nulla al malato circa le sue condizioni di salute. Nel XX secolo si assiste ad un cambiamento: precisamente nel 1917, quando la Corte Suprema degli Stati Uniti afferma che “ogni essere umano adulto e sano di mente ha il diritto di decidere che cosa debba essere fatto al suo corpo” e che, di conseguenza, “il medico che esegue un intervento senza il consenso del paziente commette un’aggressione”.